24 maggio 2010

DDL Intercettazioni, una Polpetta indigeribile.

Il ddl sulle intercettazioni, presentato dal ministro Alfano ed approvato dal parlamento a tappe forzate, sta per diventare legge. Una legge che rappresenta l'ennesima polpetta avvelenata per gli italiani e l'ultimo chiodo sulla bara dell'informazione italiana, ormai televisivamente unificata nell'impero RaiSet di Fede, Vespa e Minzolini ed ora azzittita tramite multe milionarie e pene draconiane.
Insomma il potere del Nano Piduista vorrebbe mandare i giornalisti in galera, mentre promuove in parlamento mafiosi e corruttori.
In verità la paura delle intercettazioni è bipartisan, poiché nella rete sono caduti anche pesci grossi della sinistra come D'Alema e Fassino, mentre la prima proposta sulla limitazione di questo strumento di indagine scaturì proprio dall'ex ministro della Giustizia, Clemente Mastella.

Ma quali sono i punti principali che una legge adeguata, ma anche inutile visto poiché basterebbe applicare quelle vigenti, dovrebbe prendere in considerazione?

1-La segretezza delle comunicazioni tra le persone è tutelata dalla Costituzione (art.15) e quindi il ricorso alle intercettazioni come strumento di indagine dovrebbe essere valutato più attentamente. Sono d'accordo quindi che siano più giudici a decidere chi intercettare.

2-La libertà di stampa, anche questa tutelata costituzionalmente (art.21), impone che gli atti pubblici debbano poter essere pubblicati. Non capisco perché si parli di "fuga di notizie" quando i giornali pubblicano atti già in mano alle parti e quindi pubblici.
Poi bisognerebbe capire perché i magistrati non distruggano o secretino le parti che non hanno interesse ai fini penali o processuali, ma questo è un altro discorso.

3-Quando vengono pubblicati atti coperti da segreto o che non hanno alcuna rilevanza processuale, la colpa non deve essere data ai giornalisti, ma a coloro che passano materiale secretato o che non custodiscono a dovere il suddetto materiale. In fondo non è che siano migliaia di persone quelle responsabili della custodia degli atti, ma non si capisce perché nessuno mai venga processato, mentre la colpa viene addossata ai giornalisti ed agli editori.
In questo caso la legge esiste già, ma non viene applicata. E' una prerogativa prettamente italiana quella di promulgare leggi eccessivamente severe, ma che, nei fatti, rimangono inapplicate.

4-Se si vuole intraprendere una vera lotta alla criminalità, non si può togliere agli inquirenti lo strumento più efficace. Ricordo che in Italia la corruzione e la criminalità organizzata sono fenomeni talmente vasti da rappresentare un pericolo serio per la democrazia stessa (voti di scambio, collusioni tra mafia, imprenditoria e politica, ecc...). Non mi sembra proprio il caso di abbassare la guardia su questo versante.

Insomma, l'unica parte che mi convince di questa legge è il ricorso ad un collegio di giudici per disporre le intercettazioni, il resto è un polpettone indigeribile che serve solo a tutelare il buon nome dei criminali.

3 commenti:

Lo straniero di Elea ha detto...

sono d'accordo con te per quello che hai detto anche se i passi indietro fatti al senato sono molti visto che la sollevazione dell'informazione e della magistratura si è fatta sentire. Vorrei sottolineare il fatto che anche uno come Feltri ha protestato contro il ddl a confermare che i giornalisti del Giornale non sono venduti al padrone (e basterebbe leggerlo il giornale per accorgersene). Non hai riportato il limite di 75 giorni limite che per me va assolutamente allargato.
Io penso che questa legge se passa passerà con molte modifiche e alla fine cambierà molto poco. L'opinione pubblica si sta facendo sentire e poi ricordo che se veramente sarà una legge anticostituzionale ci sono organi appositi per respingerli e sappiamon bene che Berlusconi non controlla nè Napolitano nè la corte costituzionale.

Lapenna Daniele ha detto...

Che poi se andiamo a vedere, a noi comuni mortali che ce ne frega delle intercettazioni che siamo ogni giorno alla lotta per la ricerca di un lavoro stabile o arrivare alla fine del mese con un misero stipendio????

Lo straniero di Elea ha detto...

a me sinceramente mi frega perchè si tratta di sicurezza. Ma sicuramente va regolarizzato perchè non è ammissibile che se un ragazzo di 18 anni parla al telefono con una di 16 viene arrestato per pedofilia perchè arrestato. Le cose vanno temperate entrambe, però facciamo fare il suo dovere alla giustizia e noi regoliamoci di conseguenza.