19 luglio 2009

Pubblicità Progresso: Aiutate i Blog Abbandonati!

Salve, sono Gaspatcho, o, come dicono in molti, Gaspatko.

Vi scrivo per rendervi partecipi della mia situazione: da quasi un mese, il mio padre-padrone-autore mi ha abbandonato preferendomi il mare, la lettura, la musica, i rapporti personali ed, in ultima analisi, anche il lavoro!

E' una cosa vergognosa che nella bella stagione i blog vengano ancora abbandonati in questo modo indegno!
E' indecente che un blog serio possa essere sostituito da una applicazione barzelletta come Facebook!

Chi ti dà amore per tutto il resto dell'anno, chi ti asseconda in tutti i tuoi deliri, chi dà uno spazio alle tue inveterate invettive non può essere trascurato così impunemente ai primi caldi di luglio!

Aiuta Gaspatcho e tutti i blog abbandonati a ritrovare i loro autori!

Firma la petizione contro l'abbandono dei blog scrivendo una mail all'indirizzo:

nonabbandonare@iltuoblog.it


Chi abbandona i blog è un mostro!

9 commenti:

Anonimo ha detto...

I miei libri si uniscono all'appello!

Serola ha detto...

anche i bloggers a volte vanno in vacanza.. dovremmo creare anche per i blog qualcosa tipo i rifugi dove i membri della famiglia a 4 zampe possono essere ospitati intanto che i bipedi della famiglia vanno in ferie.
In tempo di crisi, potrebbe essre un'idea per raggranellare qualche spiccio... AAA Blogsitter Cercasi
;)

michelepinto ha detto...

Se ad agosto facessimo scrivere i blog dai nostri cani?
Scommetto che nessuno si accorgerebbe della differenza!

(Però mi raccomando, dite al vostro cane di pubblicare le smentite entro 48 ore!!!)

Gianluigi ha detto...

Se i blog copiano pedissequamente uno dall'altro, vedi nota sulle smentite di Michele, basterà che scrivano in pochi, gli stakonovisti dell'estate, per alimentare comunque le solite leggende metropolitane.
Anche in questo mondo ormai siamo prossimi all'omologazione.

Gaspa ha detto...

Ma che omologazione???
L'omologazione è quella che passa attraverso la TV, i blog servono ad ogni persona per esprimersi.
Mi sembra il massimo del pluralismo e della libertà individuale.
Se poi tutti i bloggers pensano che 2+2 faccia 4, mentre la TV ci dice che fa 5, il problema è proprio la propaganda che cerca di lobotomizzarci il cervello e di farci pensare allo stesso modo.

Serola ha detto...

mi sa che il commento di Michele è stato un tantino traviato, ma forse Gianluigi si riferisce al fatto che spesso i nostri blog parlano delle stesse cose o di argomenti affini: in realtà è normale, i blog(ger)s si raggruppano come le persone, in base alle affinità di idee, gusti, attività. E quindi è natutale conseguenza che ci siano delle convergenze, delle somiglianze.

inoltre i blogger, per la loro attività, sono ovviamente più sensibili a tematiche che coinvolgano l'accessibilità alla rete e alle informazioni in essa contenuta. Però proprio le reazioni al cosiddetto sciopero dei blog fanno capire che in realtà i blog(ger)s sono tutto fuorchè omologati, visto che si sono registrate tante reazioni diverse

il mondo dei blog è infinitamente vario, proprio come le persone che li gestiscono. Basta saper cercare (e sapere bene cosa si sta cercando)

Daniele S ha detto...

Michele non è stato traviato, ha scritto il suo cane.

OneNightInPoang ha detto...

Interessante il tuo blog.
Ti spiace se ti inserisco nel mio blogroll?

Gaspa ha detto...

fai pure, non mi dispiace affatto!